Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

LA PRODUZIONE PIANISTICA DI GYÖRGY LIGETI

6 Giugno 2018 | ore 21.00

Concerti d’Oggi

In collaborazione con Divertimento Ensemble


Pianisti selezionati dal Call for Young Performers, masterclass di pianoforte tenuta da Maria Grazia Bellocchio:

Riccardo Bisatti
Stefano Cascioli
Alessia Cecchetti
Mattia Cicciarella
Daniele Fasani
Giovanni Galletta
Francesco Melani
Emanuele Stracchi


G. Ligeti (1923-2006)

Invention (1948) – 8

 

Due Capricci (1948): – 4
___Allegretto capriccioso
___Allegro robusto

 

Fünf Stücke, per pianoforte a quattro mani (1942-1951) – 4 e 7

 

Études (I libro, 1985; II libro, 1988-1994; III libro, 1995-2001):
___Désordre – 4
___White on white, Canon – 8
___Fém, Fanfares – 3
___Cordes à vide, Touches bloquées, À bout de souffle – 6
___Galamb Borong – 7
___Arc-en-ciel, Automne à Varsovie – 2
___Columna infinita, Vertige – 5
___Der Zauberlehrling, Pour Irina, L’escalier du diable  – 1

 

1 – Riccardo Bisatti
2 – Stefano Cascioli
3 – Alessia Cecchetti
4 – Mattia Cicciarella
5 – Daniele Fasani
6 – Giovanni Galletta
7 – Francesco Melani
8 – Emanuele Stracchi


Maria Grazia Bellocchio ha compiuto gli studi musicali al Conservatorio G. Verdi di Milano con Antonio Beltrami e Chiaralberta Pastorelli, diplomandosi con il massimo dei voti, la lode e la menzione d’onore, e ha proseguito gli studi alla Hochschule di Berna con Karl Engel e a Milano con Franco Gei. Nelle sue prime apparizioni in pubblico ha eseguito il concerto di Scriabin con l’ Orchestra della RAI di Milano e il primo concerto di Beethoven con l’Orchestra del Conservatorio di Milano e l’ Orchestra Sinfonica Siciliana, e Les Noces di Strawinsky al Teatro Comunale di Bologna. Successivamente, sempre in veste di solista, ha suonato con l’Orchestra da camera di Pesaro, Milano Classica, Scottish Chamber Orchestra, Orchestra Toscanini di Parma, Orchestra da Camera di Padova e Orchestra Sinfonica G. Verdi di Milano. È stata invitata a far parte dell’Orchestra Schleswig Holstein Music Festival diretta da Leonard Bernstein. Suona regolarmente per le maggiori istituzioni concertistiche italiane e straniere: Amici della Musica di Padova, Perugia, Firenze, Palermo, Siracusa, Pescara, Campobasso, Sulmona, Mestre, Messina e Vicenza,Settembre Musica di Torino, MITO-Milano, Autunno Musicale di Como, Teatro Comunale di Bologna e Ferrara, Teatro Regio di Parma, Società Barattelli di l’ Aquila, Teatro Grande di Brescia, Teatro Bibiena di Mantova, Università di Bologna e Ferrara, Teatro Donizetti di Bergamo, Società dei Concerti di Milano, Musica nel nostro tempo, Milano Musica, Rec Festival, New Music of Middelburg, Klangforum di Vienna, Università di Valparaiso (Cile), Fondazione Gulbenkian di Lisbona, Festival Musica di Strasburgo, Festival Presences di Parigi, Biennale di Venezia, Printemps des Arts de Monte-Carlo. Ha collaborato in formazioni da camera con musicisti quali Ingo Goritzki, Han de Vries, Renate Greis, Wolfgang Mayer, William Bennet, Sergio Azzolini, Rocco Filippini, Franco Petracchi, Elizabeth Norberg Schulz, Salvatore Accardo e Bruno Giuranna. Suona in duo pianistico con Stefania Redaelli. Il suo repertorio spazia da Bach ai giovani compositori contemporanei. Collabora stabilmente con il Divertimento Ensemble diretto da Sandro Gorli regolarmente presente nei maggiori festival italiani ed europei. Ha inciso CD per Ricordi e Stradivarius con opere di Bruno Maderna, Mauro Cardi, Giulio Castagnoli, Sandro Gorli, Franco Donatoni, Matteo Franceschini, Stefano Gervasoni e Ivan Fedele. Insegna pianoforte presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali “G. Donizetti” di Bergamo e tiene regolarmente corsi di perfezionamento pianistico dedicati al repertorio classico e contemporaneo.

Riccardo Bisatti (Novara, 2000) Pianista in rapida ascesa, ha già vinto numerosi primi premi in svariati concorsi nazionali e internazionali (tra cui il VII Concours international de piano junior di Orléans con Premio di eccellenza, lode e menzione della giuria e Premio speciale per la miglior esecuzione del brano scritto per l’occasione). Ha anche ricevuto la medaglia della Camera dei Deputati a Roma, consegnatagli dalla Presidente L. Boldrini si è esibito in sedi importanti di Francia, Italia (fra cui il Museo del Teatro alla Scala) e Repubblica Ceca. Studia nel Triennio Accademico di pianoforte del Conservatorio “G. Cantelli” di Novara, sotto la guida di A. Commellato. Inoltre, approfondisce lo studio del fortepiano e del clavicembalo e svolge un’intensa attività di musica da camera: ha suonato con solisti dei Berliner Philarmoniker, della London Symphony Orchestra, della Bayerisches Staatsorchester, dell’Orchestra dell’Accademia della Scala e dell’Orchestra Giovanile “L. Cherubini”. Ha preso parte a numerose e autorevoli masterclass di perfezionamento sia in Italia che all’estero, tenute da M. G. Bellocchio, R. Saïtkoulov, U. Hofmann, A. Lubimov (su fortepiano), S. Pedroni, J. Swann, R. Prosseda, S. Gulyak, P. Szychowski, T. Ovens.

Stefano Cascioli. Nato a Trieste nel 1995, è laureato in violino (109) e composizione (110 e lode), rispettivamente con i maestri D. Mustea e M. Pagotto. Oltre a frequentare il biennio specialistico di pianoforte sotto la guida di M. Gon, attualmente segue il corso triennale di direzione d’orchestra tenuto da D. Renzetti presso l’Accademia musicale Pescarese. Premiato in occasione di numerosi concorsi nazionali e internazionali di categoria, tra quali “Città di Sestri Levante” e “Moncalieri music competition”, ha conseguito il primo premio al concorso “Città di Palmanova”, e il primo premio assoluto al “Memorial don Oreste Rosso” di Martignacco e al “Città di Treviso”. Si è perfezionato con i maestri A. Carcano, M. Gon, A. Ciccolini, P. Badura-Skoda, M. G. Bellocchio e R. Levin al Mozarteum di Salisburgo. Particolarmente attento alle nuove scoperte musicologiche, ha approfondito lo studio del violino barocco e della prassi esecutiva filologica con E. Onofri, E. Citterio e E. Gatti. Recentemente, la casa editrice “NOMOS Edition” ha pubblicato la sua Ninna Nanna allo specchio addormentato, su testo di Garcia Lorca. Scrive per il Corriere Musicale.

Alessia Cecchetti. Diplomata in pianoforte a 18 anni con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio “F. Morlacchi” di Perugia, ha seguito corsi di perfezionamento (Accademia Musicale Pescarese, 2012; Accademia Pianistica di Imola, 2016; Accademia di Musica di Pinerolo, 2017) e studia attualmente con M. Vacatello e con V. Balzani. Ha frequentato il Call for Young Performers con M. G. Bellocchio (2017, musiche di Kurtàg; 2018 musiche di Ligeti). Ha vinto numerosi concorsi nazionali e internazionali, tra cui il primo premio assoluto al “Città di Rieti” (2012), il primo premio al “Luigi Paduano” (2012), il terzo premio al concorso internazionale “Livorno Piano Competition” (2017). Ha partecipato a numerosi master, tra cui Gubbio Summer Festival (2006), Master Class del Mediterraneo per giovani pianisti (Sicilia 2006-07, con P. Rattalino), International Summer Piano Academy (isola di Poros, Grecia, 2009 e 2011; con Y. Bogdanov, K. Sakai, I. Jones). Nel 2017 frequenta, presso Villa Medici-Giulini, lezioni con J. Rose. Dal 2016 collabora con l’Ensemble Magazzini Babàr, nelle produzioni degli Amici della Musica di Perugia. Si è esibita in prestigiose sale da concerto tra cui Palazzo Gallenga, Teatro Morlacchi, Teatro Cucinelli, Teatro delle Muse, Università Chopin di Varsavia. Ai concerti solistici affianca un’intensa attività cameristica con il violinista F. Galieni e quella di Maestro Collaboratore. Sta lavorando a un CD con musiche di Kurtàg e Prokofiev. È docente di pianoforte presso l’Associazione musicale Ciro Scarponi (PG).

Mattia Cicciarella. Nato nel 1993, laureato e abilitato all’insegnamento del pianoforte con il massimo dei voti, un contributo decisivo alla sua formazione viene dai maestri M. L. Franco e A. Padova. Tramite concorso nazionale a cattedra, vinto pur concorrendo come candidato più giovane d’Italia, insegna pianoforte al Liceo Musicale “C. Sigonio” di Modena. Ha suonato in diverse sedi, tra cui: Castello Ursino a Catania; Palazzo Rota Pisaroni a Piacenza; Auditorium del Carmine a Parma; Circolo Lirico Bolognese. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti pianistici, tra cui si segnala la “Ligeti Special Mention” al Concorso “Ibla Grand Prize” nel 2017. Ha seguito masterclasses, tra gli altri, con E. Baiano, M. Baglini, A. Miodini, P. De Maria. È stato selezionato per l’edizione 2018, dedicata a György Ligeti, di “Call For Young Performers”, masterclass tenuta da M. G. Bellocchio.

Daniele Fasani. Nato nel 1994, consegue nel 2015 la laurea di I livello (110 e lode) presso l’ISSM “G. Donizetti” di Bergamo. Attualmente studia con i maestri M. G. Bellocchio e E. Virsaladze. Ha accompagnato varie masterclass di flauto di R. Trevisani. È vincitore di numerosi concorsi nazionali e internazionali. Si è esibito per: Gallerie D’Italia, Biennale di Venezia 2015 e 2016, Università di Milano-Bicocca, IRCAM, BPYAP di Snape (UK). Ha preso parte ad iniziative di Divertimento Ensemble dal 2014 al 2017, con brani di Mantovani, Stockhausen, Gorli, Sciarrino e Kurtag. Nel 2016 si è esibito per il progetto di Divertimento Ensemble su Castiglioni e il 21 maggio è stato ospite a Radio 3. Nel 2017 è invitato a far parte dell’Ulysses Ensemble; nello stesso anno si è esibito nel ridotto Gavazzeni del Teatro Donizetti per il Festival Pianistico di Bergamo-Brescia. Ha seguito masterclass di A. Lonquich, P. Donohoe, V. Tropp, A. Fiderkiewicz e S. Redaelli. Ha studiato Cembalo con S. Vartolo. Infine, studia fisica.

Giovanni Galletta. Nasce a Varese nel 1997. Inizia a studiare il pianoforte all’età di 8 anni con M. Zanzi, frequenta poi il liceo musicale di Varese studiando piano con M. Sala e E. Costa e violino per tre anni con D. Belosio. Attualmente è allievo di A. Commellato. Vince due volte il concorso musicale di Tradate: nel 2009 e nel 2010 suonando rispettivamente il pianoforte e il violino. Nel 2013 vince il premio Gianluigi Milanese e suona il primo concerto per pianoforte e orchestra di Chopin con l’orchestra del liceo musicale sotto la direzione di R. Perata. Nel 2016 partecipa ad una masterclass tenuta da A. Lubimov, arriva secondo al concorso pianistico internazionale di Spoleto e partecipa a una masterclass a Piedicavallo con A. Commellato; suona poi al festival di Piedicavallo assieme all’ensemble Kaleidos il quintetto per pianoforte e fiati di Beethoven. Nel 2017 e 2018 partecipa al Call for Youg Perfermers tenuto da M. G. Bellocchio con repertorio di musica contemporanea (Kurtag e Ligeti). Dal 2016 frequenta al Politecnico di Milano il corso di “Ingegneria dei materiali e delle nanotecnologie”.

Francesco Melani. Studia clavicembalo (con F. Baroni) e poi pianoforte al Conservatorio “A. Boito” di Parma con M. G. Nuti diplomandosi col massimo dei voti. Frequenta i corsi di musica da camera (M. Bissaca), composizione (L. Tessadrelli e L. Abbate), pianoforte jazz (A. Tacchini) e masterclass di pianoforte (A. Lucchesini e S. Ortíz Rey), di accompagnamento pianistico (J. L. M. Fernandez e il tenore D. Roth) e di composizione (A. Corghi). Partecipa al Call for Young Performers 2018 di M. G. Bellocchio dedicato alla produzione pianistica di Ligeti. Esordisce nel 2007 come pianista solista e prosegue la sua attività in veste sia di esecutore, solista e in formazione da camera, che di compositore/arrangiatore. Si è esibito nelle sale più prestigiose di Parma e in festival nazionali (a Bologna Festival ha presentato in prima esecuzione i suoi brani per orchestra e voce recitante Welcome to Americazz… e Attent-age). Ospite del Labirinto di F.M. Ricci ha tenuto un concerto interamente improvvisato. Collabora con il Conservatorio di Parma (come pianista accompagnatore; come prima parte della sua orchestra nel 2014, per la realizzazione di Rendering di L. Berio; con l’ensemble di musica contemporanea nelle produzioni Elio è Frankenstein, The Yellow Shark e un progetto monografico dedicato a P. Castaldi), con i solisti dell’Orchestra Toscanini, con l’associazione musicale Silentia Lunae. Il suo brano Encore per fisarmonica e quartetto d’archi è stato selezionato ed eseguito all’interno del “PIF 2016”. Nel 2017 vince il Premio Crescendo di Firenze e il suo brano Psalm 122. A song of ascen viene trasmesso da RAI2. È stato ospite dell’Istituto di Cultura Italiana a Londra tenendo una masterclass e un concerto dedicati ad Assassinio nella cattedrale di I. Pizzetti.

Emanuele Stracchi. Nato nel 1990, diplomato in pianoforte e in composizione con lode, ha ottenuto il diploma di II livello con lode in pianoforte, con una tesi sperimentale su Ligeti. Laureato in filosofia con lode, è autore di un saggio pubblicato da Limina Mentis, sulla musica in Platone e Nietzsche. Si è perfezionato con Marvulli e Micheletti. Pianista, direttore, compositore poliedrico, ha all’attivo oltre 200 concerti in svariati contesti artistici, compresa la musica da camera ed il jazz; con l’orchestra ha interpretato Haydn, Mozart e Gershwin; ha curato diverse prime esecuzione assolute e nel 2017 è stato selezionato per il progetto “Solisti con Orchestra” a Roma e per la “Call For Young Performers” a Milano; vincitore di concorsi musicali internazionali, ha vinto il Premio Novecento del Concorso Luigi Nono di Venaria Reale (Torino).

Dettagli

Data:
6 Giugno 2018
Ora:
21.00
Categorie Evento:
,

Luogo

Teatro San Carlo
via San Carlo 5
Modena, MO Italia
+ Google Maps
Iscriviti alla nostra newsletter


    Associazione Amici della Musica di Modena «Mario Pedrazzi»

    Anno di fondazione 1919
    Sede legale presso Fondazione San Carlo, via San Carlo 5, 41121 Modena
    p.i. 01179350366
    IBAN: IT 33 X 05387 12900 000002323780