Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

CONCERTO DELLA MEMORIA E DEL DIALOGO

27 Gennaio 2018 | ore 21.00

Coproduzione Amici della Musica di Modena / Fondazione Teatro Comunale di Modena / WunderKammer Orchestra
In collaborazione con Fondazione Villa Emma
Con il patrocinio della Comunità Ebraica di Modena e Reggio Emilia


WUNDERKAMMER ORCHESTRA

GRAZIA DORONZIO, soprano

MAURIZIO LEONI, baritono

PAOLO MARZOCCHI, pianoforte

CARLO TENAN, direttore


Musiche di Beethoven, Schwarz, Korngold, Marzocchi, Ullmann/Rastelli, Zemlinsky/Cima

 

Il concerto tratta in modo esplicito temi legati all’esilio, all’addio, alla lontananza (Schwarz, Korngold e Zemlinsky fuggirono dall’Austria negli anni Trenta) e alla deportazione (Ullmann fu internato a Theresienstadt per due anni e poi ucciso ad Auschwitz), accostandoli ai nostri giorni. Ne nasce un emozionante percorso, cangiante per stili ed epoche, in cui la musica alterna repertorio ‘colto’ e musica popolare, utilizzando brani originali, trascrizioni e rielaborazioni.


L. van Beethoven (1770-1827)

Allegro con brio dal Concerto n.3 op.37 in do minore per pianoforte e orchestra
(Adattamento per WunderKammer Orchestra e cadenza concertante di Paolo Marzocchi)

Pianoforte: Paolo Marzocchi

F. Schwarz (1885-1933)

Ich hab kein Heimatland (Jüdischer Tango)

Baritono: Maurizio Leoni

V. Ullmann (1898-1944)/C. Rastelli (1963)

Due movimenti da Sonate di V. Ullmann – elaborazione per ensemble di C. Rastelli
___1. Andante. Quasi marcia funebre. Dalla Sonata per pianoforte n.1 op.10 (1936)
___2. Variazioni su un tema di Mozart (KV 3). Dalla Sonata per pianoforte n.3 op.26 (1940)

E. W. Korngold (1897-1957)

Due Lieder dai Lieder des Abschieds op.14
___n.1 Sterbelied “Lass, Liebster, wenn ich tot bin” (testo di Christina G. Rossetti/Afred Kerr)
___n.4 Gefasster Abschied “Weine nicht, dass ich jetzt gehe” (testo di Ernst Lothar)

Soprano: Grazia Doronzio

A. Zemlinsky (1871-1942)/R. Cima (1967)

Quattro Fantasie su poesie di Richard Dehmel op.9 – Elaborazione per WunderKammer Orchestra di Roberto Cima
___1. Stimme des Abends
___2. Waldseligkeit
___3. Liebe
___4. Käferlied

P. Marzocchi (1971)

Heimatlos

Baritono: Maurizio Leoni

Canzone tradizionale

Fuocoammare (orchestrazione per WunderKammer Orchestra di Paolo Marzocchi)


Di formazione classica, Paolo Marzocchi, Direttore artistico della WunderKammer Orchestra, ha da sempre avuto verso la musica un approccio naturale e non condizionato da barriere linguistiche, dedicandosi al teatro, al cinema, alla radio, fino alle sperimentazioni con altri linguaggi e alla composizione ‘pura’. Come compositore ha collaborato con numerosi artisti di fama internazionale e ha ricevuto numerose commissioni per la realizzazione di opere pianistiche, da camera e sinfoniche, collaborando con istituzioni prestigiose.
Collabora da alcuni anni con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca su progetti sperimentali legati all’istruzione musicale e alla sensibilizzazione sociale, nonché alla creazione di orchestre e cori giovanili. La sua opera Il viaggio di Roberto, che ha ottenuto tra gli altri il plauso di Riccardo Muti, è stata rappresentata nella stagione 2016/17 dell’Opera di Firenze, sotto la direzione dello stesso Marzocchi.

WunderKammer Orchestra nasce a Pesaro nel gennaio 2017 con l’obiettivo di portare la musica sinfonica e il teatro musicale dove normalmente un’orchestra ha difficoltà a esibirsi per ragioni logistiche, di budget o semplicemente per la minor consuetudine di alcune fasce di pubblico per questa forma di espressione artistica. La WKO può essere definita “un’orchestra disidratata”, cioè un ensemble costituito da un piccolo gruppo di musicisti (da un minimo di 8 a un massimo di 15) pensato per esprimere tutti i “colori” e i “timbri” di un’orchestra tradizionale. Il repertorio spazia da partiture del grande repertorio trascritte appositamente per questo tipo di organico, oppure opere originali. Una delle caratteristiche della WKO, grazie alla sua struttura agile e snella, è di potersi dedicare allo studio delle partiture con la cura e la perizia proprie della musica da camera. La WKO è anche impegnata nella diffusione della “musica d’arte” tra i giovani mediante mirati progetti educativi, nonché nella promozione di iniziative attraverso le quali il “fare musica” abbia una precisa valenza sociale. L’ensemble ha debuttato con successo a Lampedusa nell’aprile 2017 e nel mese di agosto, in occasione del debutto nelle Marche, ha tenuto un concerto speciale al Palazzo Ducale di Urbino. Tra i prossimi appuntamenti due concerti “in-residence” al Teatro Rossini di Lugo, e il concerto conclusivo della Stagione degli Amici della Musica di Ancona, istituzione presso la quale la WKO sarà presente in un progetto triennale.

Carlo Tenan, direttore d’orchestra, pianista, oboista e compositore, avvia la sua carriera di direttore collaborando con Antonio Pappano, Mstislav Rostropovič e Lorin Maazel. Ha diretto alcune tra le più prestigiose orchestre internazionali, anche nella doppia veste di direttore e di compositore. Nel settembre 2014 incide per la Decca con il tenore Juan Diego Florez.
Fra gli impegni recenti: la produzione de Il Barbiere di Siviglia al Teatro Comunale di Bologna, il concerto di apertura della prima edizione del festival di musica barocca ‘Purtimiro’, l’esecuzione e l’incisione di due sue recenti composizioni: Biglieobilie per clarinetto basso ed elettronica e Jeux de Bleu per quartetto di arpe.
È Direttore musicale della WunderKammer Orchestra.

Grazia Doronzio si è esibita su alcuni dei più importanti palcoscenici internazionali: Metropolitan Opera, Hamburgische Staatsoper, Dutch National Opera, Grand Théâtre de Genève, Teatro Regio di Torino, Deutsche Oper di Berlino, Oper Frankfurt, Palau de les Arts Reina Sofia di Valencia, Teatro San Carlo di Napoli. È apparsa nel Requiem di Mozart con la Boston Symphony Orchestra diretta da James Levine, che l’ha diretta anche alla Carnegie Hall in un programma su liriche di Dallapiccola. Tra i recenti impegni: Susanna ne Le nozze di Figaro al Regio di Torino, Suzel ne L’Amico Fritz a Francoforte, Mimì ne La bohème ad Amsterdam, a Nantes, Toronto, Bari, Ancona, Cagliari e Saarbrücken; Anna ne Le Villi di Puccini alla Konzerthaus di Dortmund; Liù nella Turandot con la Seattle Opera; Pamina in Die Zauberflöte all’Hamburgische Staatsoper e al Palau de les Arts Reina Sofia di Valencia; Falstaff (Nannetta) e Don Giovanni (Zerlina) a Francoforte; L’elisir d’amore (Adina) al Teatro San Carlo di Napoli e a Düsseldorf; Medea di Cherubini (Glauce) al Grand Théâtre de Genève; Ein Deutsches Requiem di Brahms a Catania. È stata allieva del Lindemann Young Artist Development Program, l’accademia del Metropolitan Opera di New York. Si è perfezionata con Renata Scotto presso l’Opera Studio dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma. Ha vinto numerosi concorsi lirici internazionali: Francisco Viñas di Barcellona (premio speciale dell’Opera di Sabadell), Elardo International Opera Competition, Iris Adami Corradetti di Padova, Ottavio Ziino di Roma, il concorso del Teatro Lirico Sperimentale “A. Belli” di Spoleto, il concorso internazionale Sullivan Foundation, il concorso Stella Maris Competition, il Concorso Internazionale di Musica Vocale da Camera “Città di Conegliano”.

Maurizio Leoni si è diplomato con lode all’Accademia Filarmonica Bolognese e al Conservatorio “G. B. Martini” di Bologna. È un artista eclettico (cantante, ma anche regista e attore) e ricco di esperienze in molti ambiti musicali: dai grandi ruoli nell’opera lirica (fra i più recenti: Leporello nel Don Giovanni in una lunga tournée in Francia diretto da Jean Claude Malgoire,
Figaro ne Il Barbiere di Siviglia a Dordrecht in Olanda, a Potenza e Lecce, Conte di Luna ne Il Trovatore a Irun, Spagna e al Teatro Comunale di Ferrara, Scarpia in Tosca al Teatro Politeama di Lecce), alla musica da camera e contemporanea (Gesualdo in Gesualdo considered as a murder di Luca Francesconi al festival MITO-Settembre Musica a Milano, Mannoury in Die Teufel von Loudon di Krzysztof Penderecki diretto da Yoram David al Teatro Regio di Torino e 8 Songs for a Mad King di Peter Maxwell Davis).

Dettagli

Data:
27 Gennaio 2018
Ora:
21.00
Categorie Evento:
,

Luogo

Teatro Comunale L. Pavarotti
corso Canalgrande 85
Modena, MO Italia
+ Google Maps
Iscriviti alla nostra newsletter


    Associazione Amici della Musica di Modena «Mario Pedrazzi»

    Anno di fondazione 1919
    Sede legale presso Fondazione San Carlo, via San Carlo 5, 41121 Modena
    p.i. 01179350366
    IBAN: IT 33 X 05387 12900 000002323780