Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

ALFONSO ALBERTI

domenica 23 Febbraio | ore 17.00

Concerti d’Oggi


Progetto (a)ch@B

ALFONSO ALBERTI – pianoforte


Musiche di Johann Sebastian Bach e Gabrio Taglietti

Nato dalla stretta collaborazione fra un compositore e un interprete, (a)ch@B ingaggia un corpo a corpo con quella meravigliosa e inquietante balena bianca che è la musica di Bach. Tra i movimenti di danza della celebre Partita BWV 1004 per violino – trascritta per pianoforte – si inseriscono i brani di Taglietti che giocano a modificare la nostra percezione del passato.

L’ingresso al concerto costa 10 € per il biglietto a prezzo intero, 5 € per i soci sottoscrittori ed è gratuito per i soci sostenitori.

Credit photo: Fabiana Toppia Nervi


Progetto (a)ch@B
Proliferazioni dalla Partita in re minore BWV 1004

Musiche di Johann Sebastian Bach e Gabrio Taglietti

1. Preludio (Su una nota)
2. Allemande
3. Interludio AC (Sulle volatine)
4. Courante
5. Interludio CS (Tasti neri/tasti bianchi)
6. Sarabande
7. Interludio SG (Sulle scale)
8. Gigue
9. Interludio GCh (Sulla lontananza)
10. Chaconne

Progetto (a)ch@B intende mettere in discussione il rapporto fra musica nuova e musica della tradizione. Oggi ci troviamo in una situazione totalmente nuova rispetto ai secoli passati: una volta la musica suonata era solo la musica contemporanea dell’epoca, e le opere storiche venivano considerate come un modello da studiare ma non più da eseguire; oggi il rapporto si è radicalmente modificato e la musica nuova convive con le opere del passato, spesso fianco a fianco in uno stesso concerto.
Ma il rapporto fra i due repertori resta spesso di estraneità, o di rispettosa distanza di fronte all’inarrivabilità dei modelli storici. Funzione del nuovo dovrebbe invece essere mettere in discussione le stesse coordinate spazio-temporali del nostro ascolto: modificare realmente la nostra percezione del passato.
Progetto (a)ch@B, nato dalla stretta collaborazione fra un compositore e un interprete, vuole affrontare di petto il problema, ingaggiando un vero corpo a corpo con quella meravigliosa e inquietante balena bianca che è la musica di Bach. Si tratta di una rilettura della celebre Partita BWV 1004 per violino trascritta per pianoforte utilizzando le più avanzate tecniche pianistiche contemporanee (risonanze, falsi armonici, cluster…) e collegando senza soluzione di continuità le varie danze della suite con una serie di brani pianistici nuovissimi che affrontano il tema del virtuosismo secondo una prospettiva contemporanea. Il risultato è un programma unitario che propone al tempo stesso un nuovo modo di intendere la struttura della forma-concerto.


Alfonso Alberti suona (il pianoforte) e scrive (libri sulla musica).
Sua grande passione è la musica d’oggi, nella convinzione che essa sia un’opportunità formidabile per capire il tempo che ci troviamo a vivere, e noi stessi che viviamo in questo tempo. I suoi programmi da recital amano tessere rapporti fra le diverse epoche, con l’intento di mostrare l’unità del percorso storico musicale.
Gli sono state affidate più di cento prime esecuzioni assolute per pianoforte solo e per pianoforte e orchestra, fra cui anche opere riscoperte di protagonisti del Novecento come Niccolò Castiglioni e Giacinto Scelsi. Un’intesa musicale e umana particolarmente significativa lo ha legato a Giorgio Gaslini, che gli ha dedicato i suoi ultimi brani per pianoforte e il Concerto per pianoforte e orchestra.
Alfonso Alberti ha suonato in luoghi come il Konzerthaus di Vienna, il LACMA di Los Angeles, la Sala Verdi del Conservatorio di Milano, la Cappella Paolina del Quirinale, il Teatro Bibiena di Mantova, la Tonhalle di Düsseldorf.
Ha pubblicato più di venti dischi solistici e cameristici. Recente è il cd per pianoforte e orchestra Giorgio Gaslini – Murales Promenade, edito daStradivarius (Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, direttore Yoichi Sugiyama). Per la stessa etichetta, il cd col Concerto per pianoforte e orchestra di Goffredo Petrassi (Orchestra della RAI, direttore Arturo Tamayo) ha vinto il Premio della critica come miglior disco 2012 in Italia. Stretta è anche la collaborazione con la web-tv Limenmusic, per la quale realizza regolarmente video musicali.
Alfonso Alberti pubblica libri per gli editori LIM e L’Epos e cura edizioni musicali per Ricordi e Durand. Fra i suoi volumi: La rosa è senza perché. Niccolò Castiglioni, 1966-1996 (LIM, 2012), Vladimir Horowitz (L’Epos, 2008), Le sonate di Claude Debussy (LIM, 2008) e Niccolò Castiglioni, 1950-1966 (LIM, 2007).
Nel 2010 il canale televisivo Sky Classica gli ha dedicato un documentario per la serie Notevoli.
Dal 2017 è uno dei conduttori delle Lezioni di musica di Radio3.
Di questo stesso anno è la sua prima raccolta di poesie, Due, volume a quattro mani con Gianni Bombaci per l’editore Il Raccolto. Del 2019 è una plaquette con cinque sue poesie e tempere originali di Adalberto Borioli.

Gabrio Taglietti. Nato a Cremona, ha studiato al Conservatorio di Milano con Davide Anzaghi e Giacomo Manzoni. Le sue opere sono state eseguite in numerosi festival e stagioni concertistiche in Italia e all’estero, a cominciare dal 5° Seminario Internazionale di Boswil (1978), fino alle più recenti esecuzioni a Praga, Helsinki, Tokyo, Nagoya, Città del Messico, Madrid e Miami, ricevendo premi e segnalazioni in vari concorsi (Guido d’Arezzo 1987, Evangelisti 1989, Zafred 1990, Caracciolo 1991).
Nel 2001 Ricordi ha pubblicato un cd con un’antologia della sua musica da camera (Marmi), da cui Gianni Celati ha tratto la colonna sonora del suo film Visioni di case che crollano; nel 2008 Stradivarius ha pubblicato un cd con i suoi Studi per pianoforte (Studi per il XXI secolo); del 2018 è la pubblicazione de Le galline pensierose e altri animali nella collana di fiabe musicali della Bottega Discantica.
Oltre alla musica da camera e sinfonica si è dedicato anche alla musica per il teatro: si ricordano in particolare l’opera da camera Nella torre su testi di Hölderlin e il racconto in musica Cagnolati su testo di Daniele Benati. Si segnalano inoltre due sue ricostruzioni di opere incompiute di Mendelssohn: il completamento dell’Allegro con fuoco è stato inciso da Roberto Prosseda per la Decca ed è stato eseguito in molte grandi sale concertistiche, tra cui la Kammerphilharmonie di Berlino e la Wigmore Hall di Londra, mentre la ricostruzione delle Variazioni brillanti per violoncello e pianoforte è stata presentata in prima assoluta al Cheltenham Music Festival da Steven Isserlis.
Oltre all’attività compositiva Taglietti ha tradotto dal tedesco molti saggi di argomento musicale, tra cui gli Scritti critici di Schumann, Beethoven di Klaus Kropfinger, Il velo dell’ordine di Alfred Brendel e il carteggio Schönberg-Mann. In collaborazione col Gruppo Musica Insieme di Cremona organizza il festival Spazionovecento, di cui è direttore artistico.

Dettagli

Data:
domenica 23 Febbraio
Ora:
17.00
Categorie Evento:
,

Luogo

Teatro San Carlo
via San Carlo 5
Modena, MO Italia
+ Google Maps
Iscriviti alla nostra newsletter


    Associazione Amici della Musica di Modena «Mario Pedrazzi»

    Anno di fondazione 1919
    Sede legale presso Fondazione San Carlo, via San Carlo 5, 41121 Modena
    p.i. 01179350366
    IBAN: IT 33 X 05387 12900 000002323780